QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Oggetto: Disposizioni per l’anno scolastico 2017/2018 per il Personale Docente e ATA.

La presente circolare vuole avere carattere informativo per tutti i Docenti e gli Operatori ATA ed essere, al contempo, un promemoria degli impegni da osservare che si intendono così, ufficialmente, comunicati:

1.ORARIO DELLE LEZIONI – ORARIO DI SERVIZIO

Le lezioni hanno inizio alle ore 08,00 nella Scuola dell’Infanzia, alle ore 08.15 nella Scuola Primaria, alle ore 7.55 nella Scuola Secondaria di I grado.
Si ritiene opportuno ricordare che “Per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi” a scuola “ 5 minuti prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi. (cfr. art. 29, c.5 CCLN). In particolar modo, gli insegnanti della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria DEVONO affidare gli alunni ai genitori o a persona FORMALMENTE DELEGATA. L’inosservanza di tale disposto oltre che essere diseducativa, espone il docente a responsabilità connesse alla “culpa in vigilando” .

L’uscita degli alunni al termine delle lezioni deve avvenire nel modo più ordinato possibile, mantenendo le classi opportunamente distanziate al fine di evitare resse ed affollamenti. Particolare attenzione sarà riservata dai docenti durante la percorrenza di tragitti che prevedano l’utilizzo delle scale.

L’orario di servizio dovrà essere rigorosamente rispettato dal personale. Se dovessero verificarsi ritardi a causa di forza maggiore documentata, l’interessato avviserà tempestivamente la scuola che provvederà, successivamente, al recupero.
Nei locali di accesso della scuola, in uno spazio ben visibile, saranno esposti l’orario di funzionamento e l’orario didattico.

 L’accesso dei docenti agli Uffici della segreteria è consentito esclusivamente al di fuori del proprio orario di servizio e negli orari previsti: tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 13.00; tutti i pomeriggi

dal lunedì al venerdì dalle ore 15.00 alle ore 16.00.
Per le pratiche che richiedono l’autorizzazione della Dirigente Scolastica, i docenti consegneranno le richieste in Segreteria.

2 ORARIO INGRESSO ALUNNI
L’orario d’ ingresso va rigorosamente rispettato dagli alunni. I ritardatari entreranno in classe solo con una giustificazione motivata, firmata da parte del genitore o suo delegato.
Gli alunni in ritardo di oltre 15’ dall’inizio delle lezioni didattiche saranno accompagnati in classe dal collaboratore, previa giustifica del genitore.
Dopo l’orario di ingresso degli alunni e dopo l’inizio delle lezioni, i genitori non possono consegnare ai collaboratori strumenti didattici e/o merende.

 

 

3  ASSISTENZA, VIGILANZA ALUNNI

I Docenti devono vigilare sugli alunni, come prevede il CCNL del 29/11/07 all’art. 29, comma 5. Si precisa che tale prescrizione va osservata anche nei casi di rientro scolastico pomeridiano.
Non è ammessa alcuna “vacanza” nella vigilanza degli allievi.

La ricreazione e il cambio dell’ora sono momenti particolarmente critici dell’attività scolastica.
Il tempo dedicato alla ricreazione è di 15’nella scuola Primaria e 10’ nella Scuola di I Grado e fa parte delle ore di lezione. La vigilanza spetta al docente che è in classe al suono della campanella.
Durante l’intervallo delle lezioni è indispensabile che il Personale Docente, coadiuvato dal Personale Collaboratore, vigili sul comportamento degli alunni in modo da evitare possibili danni a persone o cose.
A tal proposito la giurisprudenza ha ritenuto che la mancata sorveglianza costituisce un’ipotesi di colpa grave poiché, in tale periodo, è richiesta una maggiore attenzione per la prevedibile esuberanza degli alunni che determina maggiori rischi di eventi dannosi.

Durante il cambio dell’ora, gli spostamenti dovranno avvenire in modo puntuale e nella maniera più rapida possibile.
In particolare, nelle sotto indicate situazioni occorre attenersi alle seguenti modalità:

  •   Il docente che inizia dopo la I ora o dopo l’ora buca, al suono della campanella, deve essere già vicino alla classe;
  •   Il docente che termina le lezioni, oppure ha un’ora buca, deve attendere, in classe, il docente dell’ora successiva.I collaboratori scolastici devono sorvegliare le classi che potrebbero momentaneamente risultare scoperte.

    Nei cambi di ora e/o in caso di eccezionale assenza giustificata del Docente, il Personale non docente in servizio dovrà garantire la sorveglianza degli alunni (Art. 44, comma 1 e art. 47 del CCNCS 2006/2009). L’affidamento della classe al Collaboratore da parte dell’Insegnante non rappresenta tuttavia un’ adeguata misura sostitutiva dell’obbligo di sorveglianza, incombendo allo/a stesso/a, per un minimo di diligenza, il dovere di rappresentare comunque al Dirigente Scolastico la difficoltà di lasciare la classe incustodita.

    Eventuali danneggiamenti al materiale di proprietà dell’Istituto, del Comune o di Privati (Alunni, Docenti, ATA o Esterni) devono essere tempestivamente segnalati alla scrivente.

4 ALTRI OBBLIGHI DEI DOCENTI

E’ preferibile che i Docenti non affidino agli alunni incarichi che prevedono l’allontanamento degli stessi dalle aule (fare fotocopie, prendere oggetti o strumenti, parlare con altri insegnanti, ecc.). Comunque, le fotocopie vanno prenotate al collaboratore scolastico con largo anticipo.
Ogni Docente è, inoltre, tenuto a:

 tenere puntualmente aggiornato il registro personale, anche in versione digitale;
 tenere puntualmente aggiornato il registro di classe;
 fare verifiche riportando sempre subito sul registro i voti assegnati e comunicarli all’allievo

(ai sensi della Legge 241/90);
 compiere con regolarità le valutazioni quadrimestrali, mai concentrandole in determinati

periodi;
 esigere il certificato medico da parte degli alunni per le assenze causate da malattia, quando

esse si protraggono per oltre cinque giorni.
5 FIRME DI PRESENZA – CIRCOLARI – DOCUMENTI INTERNI ED ESTERNI – POSTA

Si rammenta l’obbligo della regolare compilazione di tutti i documenti scolastici aventi valori di atti pubblici sia nella forma cartacea sia, ove possibile, on line (diario di classe, agenda della programmazione, registro personale).
Si ricorda che gli stessi costituiscono atti, di cui, chiunque abbia interesse può richiederne accesso, ai sensi della L. n.241/90.

 

Ogni documento contenente “dati sensibili” (es. certificato medico) deve essere custodito, al termine delle lezioni, in busta chiusa gialla, all’interno del registro, in maniera tale da garantire quanto previsto dalla normativa in materia di protezione dei dati personali (D. L.gs 196/03).

All’arrivo a scuola è d’obbligo apporre la firma di presenza sull’apposito Registro presente in ogni plesso ai fini della rintracciabilità per motivi di sicurezza.
Ciascun docente ha altresì l’obbligo della presa visione giornaliera, ai fini dell’applicazione, delle Circolari Interne e delle Comunicazioni inviate dall’Ufficio di Dirigenza e di Segreteria. Esse valgono come comunicazioni ufficiali a tutti gli effetti.

Il Responsabile di plesso dovrà procedere, quotidianamente, verificando la firma, che ogni unità di personale in servizio abbia visionato le Circolari Interne.
Tutta la Posta in visione e le Circolari devono essere depositate in appositi raccoglitori, in modo ordinato e progressivo e custodite dal Responsabile di plesso.

6 VARIAZIONI DI INDIRIZZO E/O RECAPITO TELEFONICO
Tutti gli Operatori della scuola sono tenuti a comunicare all’Ufficio di Segreteria e al Responsabile di Plesso, tempestivamente, il cambio di domicilio e/o residenza, nonché il recapito telefonico del fisso e del cellulare. Gli stessi sono invitati a rispondere ad eventuali chiamate da parte della scuola, in orario extrascolastico, per comunicazioni di servizio.
Va altresì comunicato il proprio indirizzo email istituzionale (……Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e personale.

7 COMUNICAZIONI ASSENZE
Fermo restando quanto stabilito e disposto dalle vigenti norme contrattuali, alle quali si rinvia, si invita al rispetto delle seguenti disposizioni:

 Le assenze per malattia devono essere tempestivamente comunicate prima alla segreteria del personale entro le ore 7.50 del mattino e contestualmente anche ai Responsabili di plesso, in modo tale che essi procedano alla copertura immediata della classe, fino a nomina di una eventuale supplenza. Nella comunicazione, va precisato il numero dei giorni in modo che l’ufficio possa decidere all’istante sul provvedimento da adottare per la sostituzione. E’ il caso di ricordare che l’attestazione della malattia spetta al medico, che deve essere preventivamente contattato dal docente. Qualora non si potesse far ricorso all’istituto delle supplenze o alle ore di disponibilità dei docenti, si provvederà alla ripartizione degli alunni nelle restanti classi, dovendosi garantire, comunque, il pubblico servizio e la sicurezza.

 Tutte le richieste di assenze e/o permessi soggetti a valutazione discrezionale, fatte salve le documentate emergenze ed urgenze, devono essere presentate con “congruo anticipo”( 3 giorni). La semplice presentazione dell’istanza non equivale ad accoglimento. L’abbandono del posto di lavoro, senza la comunicazione formale di accettazione della richiesta, sarà ritenuta assenza ingiustificata con tutte le conseguenze economiche e disciplinari.

 Tutte le irregolarità, anche per quanto riguarda le assenze per malattia (pratiche incomplete, mancanza di certificazione, certificazione irregolare e fuori termine, ecc. …) devono essere tempestivamente segnalate alla scrivente per i conseguenti provvedimenti. Per le sostituzioni vanno seguite le procedure del punto precedente. Si invitano le SS. LL., onde evitare spiacevoli rifiuti, a non inoltrare istanze il cui accoglimento è subordinato “ alla possibilità di sostituire il personale che se ne avvale con altro personale in servizio nella stessa sede e, comunque, alla condizione che non vengano a determinarsi oneri aggiuntivi”. E’ evidente che, non avendo personale a disposizione “in servizio nella stessa sede”, nessuna istanza può essere accolta.

 

8 PERMESSI BREVI.
Si ricorda che “… per il personale docente i permessi brevi si riferiscono ad unità minime orarie di lezione. I permessi complessivamente – fruibili nell’anno scolastico – per il personale docente corrisponde al rispettivo orario settimanale di insegnamento. Entro i due mesi lavorativi successivi a quello della fruizione del permesso, il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate in una o più soluzioni in relazione alle esigenze di servizio”. I Responsabili di Plesso provvederanno a disporre il recupero entro i termini stabiliti.

9 DIVIETO DI FUMO
E’ vietato fumare in tutti gli spazi dell’Istituto a Docenti, Personale ATA, Visitatori. Le prescrizioni antifumo vanno rigorosamente rispettate. Su segnalazione dei Responsabili, si prenderanno i provvedimenti di legge nei confronti del personale inadempiente.
E’ vietato anche fumare sigarette elettroniche.

10 ORE DI ATTIVITA’ MOTORIA
I Docenti di motoria sono tenuti ad accompagnare tutti gli alunni in palestra o negli spazi adibiti allo scopo. Essi devono costantemente vigilare affinché gli alunni siano effettivamente presenti nei luoghi di svolgimento dell’attività didattica.
Non è consentito far rimanere alunni in classe o in altri spazi, poiché si contravviene all’obbligo di vigilanza.

11 ELABORATI DEGLI ALUNNI
Gli elaborati degli alunni (compiti in classe) non sono patrimonio degli alunni, bensì documentazione ufficiale dell’attività didattica.
Tutti gli elaborati, corretti con giudizio e voto, scaturenti da griglia personale di valutazione, dopo la discussione in classe, entro 20 giorni dalla loro effettuazione, devono essere archiviati.

12 COMPORTAMENTI

Ciascun dipendente è tenuto ad applicare, nell’espletamento del proprio ruolo il Codice di comportamento del dipendente della P.A. (D.P.R. n. 62 del 16 aprile 2013), entrato in vigore il 19 giugno 2013.
Il Personale, infatti, è chiamato ad uniformarsi a comportamenti che non ledano l’immagine dell’Istituzione e che siano coerenti con le specifiche finalità educative dell’intera comunità scolastica.

In particolare:

a. è vietato diffondere dati personali e sensibili che riguardano sia gli alunni sia le loro famiglie;

b. ciascun insegnante è responsabile del corretto uso (diffusione, comunicazione, registrazione, conservazione) dei dati in suo possesso (legge sulla privacy e doveri sul segreto d’ufficio);

c. deve essere mantenuto un corretto comportamento con i colleghi, con tutto il personale e con le famiglie;

d. i beni comuni devono essere usati e custoditi con cura e responsabilità;

e. la documentazione va tenuta con cura e diligenza.

13 COMUNICAZIONI ALL’INTERNO DELL’ISTITUTO E VERSO L’ESTERNO

Le comunicazioni alle famiglie, veicolate tramite l’Istituto, devono venir inviate su carta intestata o timbrata dall’istituto e con la firma della Scrivente o dei Collaboratori della Dirigente.

Nessun Docente può, di propria iniziativa, comunicare con le famiglie su questioni che non sono state previamente già formalizzate dalla scuola.

 

14 VERBALIZZAZIONE E CONSEGNA DEI VERBALI
I verbali di tutte le riunioni vanno redatti negli appositi Registri. Devono contenere le decisioni o le osservazioni essenziali. Eventuali dichiarazioni di principio o precisazioni vanno allegate al verbale in forma di dichiarazione autografa del dichiarante.
I verbali del Collegio dei Docenti , del Consiglio di Istituto, dei Consigli di Classe/Interclasse/Intersezione vanno consegnati e conservati presso l’Ufficio di Dirigenza (Art. 25, comma 4, del D.Lgs n. 165 del 30 marzo 2001);
I verbali delle Riunioni per Dipartimenti e i verbali di altri incontri come Commissioni di lavoro, Gruppi di progetto, ecc., vanno raccolti ordinatamente dai Responsabili e consegnati alla Collaboratrice Prof.ssa Paola Carmen Muci a conclusione della riunione; anche quest’ultimi saranno conservati presso l’Ufficio di Dirigenza.

15 INFORTUNIEDASSICURAZIONI
Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e tutto l’organigramma, i Docenti ed il Personale ATA, devono segnalare tempestivamente alla scrivente eventuali situazioni di pericolo che non garantiscano l’incolumità degli allievi, del personale in servizio e di altre eventuali persone presenti nella scuola.
Nel caso di infortuni o malesseri gravi riportati dagli alunni della propria classe durante l’orario di servizio, il docente si comporterà nel seguente modo:
dovendo assistere l’alunno infortunato, garantirà nel migliore dei modi la custodia degli alunni della propria classe, richiedendo l’intervento dei colleghi e del personale addetto al primo soccorso. Si telefonerà subito al 118 Pronto Soccorso e/o ai Carabinieri richiedendo l’immediato invio di un’ambulanza, avvertendo subito la Segreteria della Scuola. Si provvederà ad avvisare tempestivamente dell’accaduto la famiglia.
Al più presto (entro le 12/24 ore successive) andrà compilata ed inviata in Segreteria la relazione dell’accaduto, scritta e firmata dal Docente in vigilanza al momento dell’infortunio. La mancata compilazione del modello nei termini previsti può configurarsi come un’omissione. L’insegnante sorvegliante deve descrivere quanto avvenuto.
Si sottolinea, pertanto, che ogni infortunio verificatosi nella scuola, durante l’orario delle lezioni o in attività deliberate dagli OO.CC. di Istituto e contenute nel PTOF, va tempestivamente comunicato alla scrivente e/o all’Ufficio di Segreteria, anche a mezzo telefono, al fine di assumere e predisporre gli opportuni interventi.

16 PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA
Il PTOF è il documento fondamentale e programmatico della scuola. La sua applicazione rientra tra le materie non discrezionali della funzione docente e amministrativa. Il PTOF può essere cambiato nelle forme e nei modi previsti dal D.P.R. 275/99 e dalla L 107/2015.

La presente va firmata per presa visione da tutto il personale in servizio. Copia della stessa va affissa all’Albo della Scuola.

LA DIRIGENTE SCOLASTICA

f.to Prof.ssa Anna Rita CARDIGLIANO

In primo piano

RETE DI SCUOLE COSTRUTTRICI DEL CAMBIAMENTO

29 Apr, 2019

LUNEDI’ 29 APRILE 2019  h. 15.00 - Sala Riunioni I.C. Maglie Via Manzoni 2

17 Leggi tutto

Autonomia

Autonomia Scolastica

25 Giu, 2018

L'autonomia scolastica quale fondamento per il successo formativo di ognuno.

ERASMUS+

25 Giu, 2018

Erasmus+ è il programma dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione,…

Obbligo di presentazione della documentazione vaccinale

Obbligo di presentazione della documentazione vaccinale

20 Mar, 2018

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha inviato al nostro…